Immagine
---------------------------------------------

Immagine


Immagine

RITIRO INGOMBRANTI A DOMICILIO
INGOMBRANTI

ORARI AUTOLINEA
ROCCA GRIMALDA-OVADA

IN VIGORE DAL 10/06/2016

Immagine

ASL - DISTRETTO OVADA
Immagine
Calendario eventi
<< Settembre 2017 >>
L M M G V S D
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1


Immagine
VIDEO
Immagine


PROTEZIONE CIVILE ALESSANDRIA
Immagine

ALLERTA METEO

Immagine

Cultura

Promozione a Rocca Grimalda

In collaborazione con la Regione Piemonte, la Provincia di Alessandria, il Laboratorio Etno - Antropologico di Rocca Grimalda, le Università di Genova, del Piemonte Orientale e di Torino, l'Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea di Alessandria, il Comune di Rocca Grimalda è promotore ogni anno di numerose iniziative culturali che trovano riscontro nella grande affluenza di persone che partecipano alle numerose iniziative.


Il Museo della Maschera

Il paese di Rocca Grimalda, paese dell’Alto Monferrato è custode di un carnevale arcaico, la Lachera , che con esemplare chiarezza mostra i caratteri delle contadine “feste di primavera” o riti propiziatori della fertilità, con tratti comuni non solo a tutto l’arco alpino, ma ad un’area di diffusione europea.

Il museo è infatti l'unico museo italiano espressamente dedicato alle maschere che accompagnavano e accompagnano le feste del calendario tradizionale italiano ed europeo.
Nasce così, un po' in sordina, il primo nucleo del museo che ospita le maschere della Lachera, la danza rituale del carnevale rocchese che, per la sua stessa specificità, era stata spunto dell'esistenza stessa di questo museo.

Nel 2003, grazie a finanziamenti pubblici, si inaugura la nuova sala che contiene maschere italiane e straniere, divise in due grandi categorie le maschere zoomorfe e le maschere antropomorfe.
L'ala contiene le maschere alpine: quelle variopinte e adorne di nastri, fiori e campanelli del Comelico, della Comba Freida e della Valfloriana ma anche il Gille di Binche, in Belgio,
e quelle irsute e villose, anch'esse munite di campane e campanacci, che imitano o evocano il mondo animale, come il Rollat di Sappada, il Cervo di Castelnuovo al Volturno, il notissimo Mamutone sardo. Ancora, i costumi delle Danze delle spade tutt'oggi praticate in Italia (la stessa Lachera contempla, fra i suoi personaggi, due spadofori) e una piccola ma rappresentativa campionatura di maschere dell'Est europeo, in special modo ungheresi e rumene.
Alle pareti i grandi pannelli didattici che compongono le due mostre permanenti del Museo: una, curata da Franco Castelli, dedicata alla Danza delle Spade, l'altra, curata da Sonia Maura Barillari e da Margherita Lecco, avente per oggetto le Maschere medievali.

Per maggiori informazioni sul museo visita il sito internet: www.museodellamaschera.it

ImmagineGilleImmagine

Torna su

Laboratorio Etno-Antropologico

Il Laboratorio Etno-Antropologico di Rocca Grimalda si istituisce ufficialmente come Associazione culturale il 9 settembre 1997. La sua storia inizia però qualche tempo prima: il 4 febbraio 1996, con la presentazione a Rocca Grimalda del volume di Franco Castelli La danza contro il tiranno: la 'Lachera' di Rocca Grimalda. Nel giugno successivo, grazie alla sensibilità e disponibilità dimostrata dall'Amministrazione comunale, e in particolar modo dal sindaco, Enzo Cacciola, fu organizzata una giornata di studi sulla Lachera, in vista di un grande incontro da realizzarsi in autunno: un convegno internazionale dedicato al Carnevale. Il grande successo che arrise a quell'iniziativa fu un valido incentivo a proseguire sulla via intrapresa, sicché dal 1996 il Laboratorio propone ogni anno un congresso incentrato su argomenti diversi, sempre sufficientemente ampi da essere affrontati con un 'taglio' interdisciplinare.

Fin dalla sua nascita il Laboratorio si avvale della collaborazione delle Università di Genova, di Torino e del Piemonte Orientale, dell'Istituto per la Storia della Resistenza e della Società contemporanea in Provincia di Alessandria.

Per maggiori informazioni e il dettaglio sui convegni visita il sito internet: www.etnorocca.it

Torna su


Lachera

L'Associazione Lachera si occupa di mantenere viva e vitale la "Lachera".
L'origine di questa antica tradizione, insieme di danza, rito e rappresentazione teatrale, si fa risalire alla rivolta del popolo di Rocca Grimalda contro il Signore del paese che pretendeva di esercitare lo Jus Primae Noctis sulle spose del feudo. In realtà, pur non escludendo coinvolgimenti e contaminazioni da fatti storici realmente accaduti la Lachera trae origine dagli antichi riti propiziatori primaverili: feste calendariali di popolo arricchitesi nel corso dei secoli di contenuti epici e sociali.
La rappresentazione, effettuata nel periodo carnevalesco, è un movimentato e colorato corteo nuziale caratterizzato da un crescendo di suoni, schiocchi, tintinnare di sonagliere, vorticare di fiori e nastri colorati: i personaggi, alcuni armati di spade, altri con fruste e sonagliere, altri ancora con lunghi cappelli infiorati, danzano intorno ad una coppia di sposi, mentre intorno una figura vestita di rosso (che sia il diavolo?) salta tra la gente scherzando e ridendo.

Immagine

Torna su